E’ stata una delle madri del volontariato italiano: è morta stamattina alle 7 nella casa natale di Lucca, a San Marco. Aveva 89 anni. Maria Eletta Martini, era nata il 24 luglio 1922. Partigiana, parlamentare (è stata anche vicepresidente della Camera), ha speso la vita dedicandosi agli altri.

Con  Maria Eletta Martini, scrive  il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, “il mondo della politica e il volontariato, per il quale tanto si è prodigata, perdono una figura esemplare per il rigore, l’intransigenza e la forte sensibilità che sempre ne hanno guidato l’impegno sociale e parlamentare”.

Nell’89 ebbi la fortuna di curare un volume su un convegno celebrativo di “Esperienze Pastorali”, il libro di don Lorenzo Milani pubblicato nel 1958. Maria Eletta Martini era una delle autrici, oltre che appassionata relatrice al convegno che si svolse a Calenzano. Ricordo la precisione e l’accuratezza del suo lavoro ma soprattutto ricordo la carica umana che l’animava e che so non l’ha mai lasciata.

Avere conosciuto, sebbene brevemente, una grande donna come lei è stato un grande dono.