“Si instaura una nuova tirannia invisibile, a volte virtuale, che impone unilateralmente e senza rimedio possibile le sue leggi e le sue regole. Inoltre, l’indebitamento e il credito allontanano i Paesi dalla loro economia reale ed i cittadini dal loro potere d’acquisto reale”.

“La volontà di potenza e di possesso è diventata senza limiti”.

“Il denaro è diventato un idolo”.

“Ideologie promuovono l’autonomia assoluta dei mercati e la speculazione finanziaria”.

C’è una “tirannia invisibile, a volte virtuale alle leggi del mercato”.

Sono parole di papa Francesco. Le metto qui in fila, semplici appunti personali. Magari potrebbero tornare utili per il prossimo congresso del Pd. O anche per ricordarle a quei “cristiani da salotto” (sempre papa Francesco) pronti a condannare tutto tranne il neoliberismo e i suoi disastri.